Storytelling e video: l’importanza dell’audio

Giovanni Centrella 20 gennaio 2016
0 people like this post

Quando giriamo un video l’audio è più importante delle immagini! Sembra un’eresia ma nel video storytelling l’audio ricopre un ruolo fondamentale!

L’audio è una delle cose fondamentali nello storytelling ma è, allo stesso tempo, uno dei tasti dolenti nella carriera di ogni videomaker. Ci siamo occupati spesso di questo tema, abbiamo imparato a monitorare l’audio e a trovare la giusta colonna sonora ma non abbiamo mai detto che i suoni e la musica in un video sono, spesso più importanti delle immagini stesse.

Proviamo a fare un piccolo gioco, proviamo a chiudere gli occhi e a immaginare una scena. Siamo al mare, difronte a noi c’è una stupenda spiaggia dalla sabbia finissima, delle piccole onde, un mare blu intenso. Vediamo un tramonto dai colori caldi e delle nuvole che si sovrappongono al sole. Bene, avete bene in mente l’immagine a cui avete pensato? Passiamo alla seconda parte del gioco. Ora chiudete ancora una volta gli occhi e pensate esattamente alla stessa immagine. Ora però le onde le sentite, si infrangono dolcemente sul bagnasciuga. Sentite un cane che abbia e un altro ancora. Sentite un bambino che gioca e fa dei versi, il verso dei gabbiani che in quel momento e che sembrano rispondergli. Ora riaprite gli occhi. Riuscite a percepire la differenza tra le due immagini che avete elaborato? Questo è lo storytelling!

Possiamo facilmente capire che il video serve a veicolare le informazioni, indispensabili per dedurre dove siamo e cosa succede. Nel caso del gioco che abbiamo fatto si tratta della spiaggia, la solitudine, il sole che tramonta nel tardo pomeriggio e quindi un senso di tranquillità. Ora passiamo alla colonna sonora. L’audio prende tutto quello che i nostri occhi hanno visto e lo porta ad un livello superiore caricando le immagini di sensazioni, raccontandoci come succede! Ci immergeremo così in un’atmosfera di pace e serenità ma, allo stesso tempo, familiare con i suoni del bambino e dei cani. Immaginate, invece, se i cani avessero abbaiato, si fosse sentito un bambino piangere e le onde scrosciare fortemente, sarebbe stato tutto differente seppur con le stesse immagini.

L’audio e la colonna sonora sono la parte emozionale del nostro video mentre le immagini quella di informazione. Quanto più audio riusciamo a prendere durante le nostre riprese, o eventualmente quanti più effetti sonori riusciamo a montare in fase di editing, tanto più riusciremo a far presa sugli spettatori, coinvolgendoli con le emozioni e le sensazioni.

Teniamo sempre ben fisso in mente che delle grandi riprese, nitide perfette e stimolanti non racconteranno nulla senza la colonna sonora. Al contrario delle immagini più ordinarie possono essere ancora parte di una grande storia se la colonna sonora riesce a renderle emozionanti.

 

Category: Tutorial
  • 2
  • 127
Giovanni Centrella

Leave your comment

2 × quattro =

Comments (2 people commented this post)